Strumenti personali

Biblioteca Beato Pellegrino
Polo Umanistico
This is just a brief note

Sezioni

Tu sei qui: Home / CHI SIAMO / contenuti-chi-siamo / Regolamento

Regolamento

ultima modifica 20/09/2019 12:26

Regolamento della Biblioteca Beato Pellegrino di Studi Letterari, Linguistici, Pedagogici e dello Spettacolo

 

Capo I - Generalità

 

Art. 1 - Denominazione e finalità

  1. La Biblioteca Nome (d'ora in poi: Biblioteca) fa parte del Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA) e afferisce al Polo Bibliotecario Umanistico.
  2. Ha la funzione istituzionale di supportare la didattica e la ricerca nell’ambito delle discipline umanistiche e in particolare del Dipartimento di Studi linguistici e letterari (DiSLL) e del Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA), mediante la selezione, l’acquisizione, la catalogazione, l’incremento e la diffusione della relativa produzione scientifica.
  3. A tal fine cura lo sviluppo, l’aggiornamento, la conservazione e la valorizzazione del proprio patrimonio documentale.

 

Art. 2 – Sede

  1. La Biblioteca avrà sede in Via Beato Pellegrino, 28, Padova con il trasloco dell’ottobre 2019. Fino ad allora le sue sedi sono a Padova in Piazzetta Gianfranco Folena 1, Via Beato Pellegrino 26, Via Beato Pellegrino 28 e Via Beldomandi 1.

 

 Art. 3 - Patrimonio bibliografico

  1. Il patrimonio gestito dalla Biblioteca è costituito dal materiale bibliografico e documentario, su qualsiasi supporto, registrato nell'inventario della biblioteca. Non è ammessa l'acquisizione o gestione di materiale bibliografico e documentario senza:
    a) registrazione inventariale; 
    b) catalogazione secondo i sistemi in uso nell'Ateneo; 
    c) accessibilità all'utenza.

 

 Art. 4 –Risorse finanziarie

  1. La Biblioteca funziona con le risorse ad essa destinate da:
    1.  il Centro di Ateneo per le Biblioteche ed altri organi dell'Amministrazione centrale;
    2.  Enti e privati a titolo di liberalità o sulla base di convenzioni per l'utilizzo dei suoi servizi.

 

 Art. 5 – Commissione di Biblioteca

  1. In conformità con l’art.13 del Regolamento del Sistema Bibliotecario di Ateneo, presso la Biblioteca è costituita la Commissione di Biblioteca che è uno degli organi di governo del Sistema stesso.
  2. La Commissione è composta da:
  • dieci componenti docenti del DiSLL e del FISPPA, designati dai rispettivi Direttori di Dipartimento, in rappresentanza delle aree culturali e disciplinari presenti nel patrimonio bibliografico della biblioteca. Le aree rappresentate dai componenti possono variare, di norma, ogni tre anni alla scadenza del mandato della Commissione di Biblioteca;
  • il Direttore tecnico del Polo
  • il Responsabile della Biblioteca
  • un rappresentante degli studenti e due dei dottorandi, uno per ciascuna macroarea, indicati dai rispettivi rappresentanti presenti nei due Consigli di Dipartimento; il mandato del rappresentante degli studenti e dei rappresentanti dei dottorandi ha la durata di due anni accademici;

La Commissione di Biblioteca elegge il Presidente tra la sua componente docente, a maggioranza assoluta dei presenti.

  1. Le funzioni e i compiti della Commissione di Biblioteca, del Presidente e del Direttore tecnico sono definiti nel Regolamento del Sistema bibliotecario di Ateneo (artt. 16, 18 e 22)

 

Capo II - Servizi

Art. 6 – Servizi 

  1. La Biblioteca si impegna a erogare all’utenza i servizi descritti nella “Carta dei servizi del Sistema Bibliotecario di Ateneo” nelle modalità così come definito nella Carta
  2. Gli utenti sono impegnati ad accedere ai servizi della Biblioteca e a usarli con responsabilità rispettando quanto indicato nella “Carta dei servizi del Sistema Bibliotecario di Ateneo”

 

Art. 7 - Norme transitorie e finali

  1. Spetta alla Commissione di Polo sottoporre il presente Regolamento al CTS che ha la facoltà di approvarlo ed eventualmente modificarlo.
  2. Il Regolamento entra in vigore a partire dalla data di approvazione da parte dei competenti organi del Sistema, così come le eventuali modifiche ad esso apportate. Nelle more dell’approvazione restano in vigore i Regolamenti correnti